Miti sulle creme solari

| |

Con l’avvento del clima caldo, l’esposizione raggi ultravioletti del sole, e il modo migliore per proteggere la pelle dagli effetti negativi di questi raggi è applicando Protezione solare.

Molti Miti ci sono intorno creme solari ed è per questo che in questo post vi svelerò cosa c’è dietro quelli più noti, in modo da poter dire se sono veri come si dice.

Mito n. 1: Solo le persone dalla pelle chiara dovrebbero indossare la protezione solare

Protezione solar_piel Bruna

Probabilmente avete sentito la frase e ti dirò che è False; danni causati dai raggi UV del sole a tutte le pelli. Ecco perché, non importa il colore della pelle, si dovrebbe indossare la protezione solare.

In uno studio condotto dal Associazione Americana contro il Cancro indicano che, mentre è vero che le persone con Pelle E occhi chiari Sono più probabile a soffrire di danni al sole, la pelle scura può anche essere influenzata.

Le pelli scure e altre etnie producono una maggiore quantità di Melanina, che funge da barriera ai raggi UV, rendendoli più resistenti all’azione del sole.

Ma allo stesso modo, un prolungamento elevato può danneggiarli, è lì che il Protezione solare dando un altro strato di riparo.

Mito No.2: Se il tempo è nuvoloso non c’è bisogno di indossare la protezione solare

protezione-solar_-Cloudy

A prima vista sembra logico che non si utilizza la protezione solare se non lo faiL, ma la realtà è molto diversa: i raggi ultravioletti provengono da iguaIo modo, non importa se la giornata è soleggiata o nuvoloso.

Le Fondazione per il cancro della pelle indica che la radiazione ultravioletta raggiunge la Terra in un giorno nuvoloso fino ad un 40%, quindi uscire senza applicare la protezione solare non è una buona opzione

Mito n. 3: Se indossi la protezione solare sulla spiaggia non abbronzare

Protezione solar_horario

Questo è un mito Metà e dipende da 2 fattori: il Quantità protezione solare che si utilizza e la Ore esporsi ai raggi del sole.

Luis Rodriguez, un dermatologo dell’ospedale monforte, indica che un a basso tempo l’esposizione ai raggi solari, oltre ad applicare la protezione solare con fattore elevato e nella giusta quantità, dovrebbe impedirti di abbronzarti.

A questo punto, tenere presente che il Tan è il modo del corpo di dirvi che sta ottenendo una quantità fuori dal comune di radiazione solare, che non è molto buono.

Pertanto, se si desidera prendere il colore, ma proteggendo la pelle si dovrebbe essere esposti da brevi periodi di tempo al re dell’astro, Evitando sempre le ore di aumento delle radiazioni (tra le 11:00 e le 16:00) e l’applicazione di una protezione solare con un fattore elevato.

Mito No.4: Se uso la protezione solare ho carenza di vitamina D

protezione-solar_vitaminas

Questo è un altro mito Metà: il vitamina D è necessario poiché è responsabile del mantenimento dei livelli corretti di calcio nel corpo, che verrà utilizzato per rafforzare le ossa e ridurre il rischio di fratture.

Ma tenete a mente che il sole non è l’unica fonte da cui è possibile ottenere la vitamina D.

Le Associazione Americana contro il Cancro sottolinea che è meglio ottenere la vitamina D necessaria per il corpo Cibo O integratori vitaminici, piuttosto che essere esposti alla luce solare. Questo perché l’aumento del sole a lungo termine il rischio di soffrire cancro della pelle.

Quindi, se avete carenza di vitamina D si deve iniziare con Nutrire con alimenti ricchi di esso (latte, pesce, tra gli altri), piuttosto che arrostire al sole.

Mito n. 5: La protezione solare non scade

Protezione solar_vencimiento

Se l’avete già sentito prima, mi dispiace che non è giusto; la maggior parte delle creme solari indica data di scadenza nel barattolo e si deve Scartare quando tale data è tramansata.

Potresti anche incontrare creme solari che non includono la data di scadenza. A tale riguardo, la Dr. Lawrence Gibson dermatologo presso la Mayo Clinic, osserva che creme solari senza data di scadenza può essere utilizzato per un periodo di tempo fino a 3 anni, a condizione che manterranno lo stesso Colore E Coerenza.

Così se è rimasto sopra crema solare l’anno scorso (che non dovrei perché si deve applicarlo ogni giorno), è possibile utilizzarlo quest’anno tenendo conto dei punti di cui sopra.

Mito No.6: Se vado a nuotare non ho bisogno di crema solare

Protezione-solar_agua

Questo mito è False: Sempre si dovrebbe applicare la protezione solare e più quando si è sott’acqua, in quanto agisce come uno specchio migliorare l’azione della luce solare.

Tuttavia, quando si va in spiaggia o in piscina si deve indossare la protezione solare con resistenza all’acqua, questo è l’unico che rimarrà nella vostra pelle.

El Dr. Lawrence, dermatologo presso la Mayo Clinic, indica che una protezione solare con resistenza all’acqua rimane sulla pelle fino a 40 minuti e uno molto impermeabile per un massimo di 80 minuti.

Il fatto è che, in una giornata in spiaggia, nuotare o no, è necessario indossare protettore ed è meglio sceglierne uno con un Alta FPS (maggiore di 30) e molto Impermeabile per una maggiore sicurezza.


Ecco alcuni articoli molto interessanti che, se vi interessa i raggi del sole, si dovrebbe visitare loro:

Precedente

Come si combinano la protezione solare con il trucco?

Come preparare una protezione solare domestica

Successivo

Lascia un commento